venerdì 19 marzo 2010

Once a Ram, always a Ram.

Milano (Italy)
March 18th

Proprio nel momento in cui sputo sangue per terra e non mi sento mai così tanto vicino all'aldilà, arriva una delle iniezioni di passione più belle di questa squadra. "Dai cazzo... se non ce la fai più a correre ti portiamo in braccio noi, ma non ti facciamo mollare!". L'urlo del resto della squadra - mio stupore - non è riferito a me, ancora miracolosamente nei ranghi al primo massacrante allenamento, ma ad un mio compagno di squadra visibilmente spalmato a terra. E' in quel momento che capisco che il fango che mi scorre sulla pelle ed il sudore attaccato sui muscoli stanchissimi, è la più bella sensazione che si potrebbe provare. Perchè la fatica fortifica lo spirito e la passione cementa una squadra.
Non so cosa mi abbia spinto ad entrare nei Milano Rams (clicca per guardare il sito) per cominciare a giocare a Football Americano. Probabilmente il fatto che sin da piccolo seguivo attratto la NFL americana e vedevo quello sport ancora più inaccessibile dell' "altro" football, quello europeo, mio primo grande e inarrivabile amore (il classico dei classici italiani). Anni ed anni di calcio giocato a più livelli, dallo juniores all'amatoriale, imparando cosa sia lo spirito di sacrificio e il senso di unione della squadra. Nel più romatico dei "tutti per uno, uno per tutti".

Al termine della parte atletica, disteso a terra con neanche la saliva per poter imprecare contro qualcuno, due ragazzi con armatura e casco si avvicinano e mi sollevano. "Grande... non ci credeva nessuno che riuscivi a finirlo tutto il primo allenamento!". Seconda grande iniezione di passione.
La fase di tattica e schemi, io - ancora ultimo dei rookie - non posso farla, servirà capire un paio di cose ancora. Tifare San Diego Chargers è un conto, giocare un kick-off return dal vivo è un altro. Cionostante, in pantaloncini e cappuccio della felpa alzato, sono ancora la, ai bordi del campo, accanto al Coach, pronto ad immagazzinare ogni singolo movimento pur di imparare alla svelta. Ed i sorrisi che si intravedono dai caschi degli altri ragazzi mi dicono che sto facendo la scelta migliore. Ricordo ancora i primi cinque minuti sul campo: da solo, di fronte alla linea dei Rams che, conoscendo appena il mio nome, urla "Enrico sei uno di noi!". Non importa chi sono, non importa da dove vengo, la squadra mi ha già abbracciato, contro ogni mia aspettativa. Ma d'altronde, il Coach in uno dei suoi ultimi editoriali sul sito lo aveva detto: "Perdere non piace a nessuno anche se a noi capita spesso, ma una vittoria conquistata senza sacrificio non è una vittoria. Per me una vittoria è vedere i miei ragazzi che si allenano, sotto la neve, con testa e cuore per superare i propri limiti. E quando c'è questa lealtà, c'è tutto."

Non so che ruolo andrò a coprire fra questi ragazzi: se running back o safety, se ricevitore per caso o diciottesimo dei quarterback. So solo che dopo questa serata al Centro Sportivo Saini ho capito che il Football Americano è davvero supendo come pensavo, ma i Rams no. Lo sono ancora di più.

(nella foto) Il Coach dei Rams, in una foto d'epoca.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

forza Palermo!!

Anonimo ha detto...

forza palermo sono io

Turiddu

Anonimo ha detto...

forza Palermo sono io!!

Turiddu

Claudio ha detto...

Mi chiedo perché ci accaniamo tanto con il calcio che, probabilmente, tra gli sport di squadra, è l'unico che non può più definirsi sport.
Rugby, Football, Basket, sono tutti sport veri, in cui il senso della squadra e dello sport, i valori veri, sono rimasti quelli predominanti (oddio, forse anche la NBA sta gradualmente cedendo il posto al business!).
E noi, come degli scemi, sempre lì attaccati a sto benedetto calcio.
Hai fatto benissimo ... anche se con il tuo fisico solo un folle poteva pensare al football americano!!! :-D
Un abbraccio e buon divertimento. Claudio.

Enricuzzu ha detto...

Ti dirò...
il ricevitore pesa anche meno di me! Ci sono alcuni ruoli in cui il peso è fondamentale (line backer, ad esempio), altri in cui conta l'agilità e la velocità (quarterback, ma sopratutto ricevitori e running back) ed altri ancora dove conta quasi soltando bastardaggine e cattiveria (il safety)! Troverò quello adatto...

Canna ha detto...

Ti sembrerà strano... ma sto leggendo solo ora questo post!

e mi sorge una domanda:
Chi è quello spalmato a terra???
Beh, dobbiamo scendere in campo prima o poi, no?

;-)

Forza Rams!!!
Ciao caro.
Canna