venerdì 11 novembre 2011

Dizionario economico anti panico

Milano (Italia, purtroppo)
November 11th

Lo spread sui titoli di stato alza drasticamente il deficit del debito pubblico e Standard & Poor's ci sfotte. MA COSA AZZ SIGNIFICA?

Quanti di noi, hanno sentito in questo periodo queste parole al Tg, fingendo intellettualmente di comprendere tutto, quantomeno per non fare la stessa figura dei nostri politici in un recente servizio alle Iene. Ecco perchè voglio proporvi un semplice dizionario economico antipanico. Perchè a volte basterebbe solo alzare la mano e chiedere una spiegazione "terra terra" per avere meno paura e - chissà - magari anche per provare concretamente a capire come non far alzare ancora l'inflazione. A patto di capire cosa spread sia!

SPREAD
Non è una crema spalmabile, ma la differenza di rendimento fra i titoletti italiani (BTP) e i titoletten teteschi (Bund), a 10 anni. Qualche anno fa era solo di 24 punti, ora superiamo i 500, siamo fighi. Ma - tranquilli - si parla di titoli a 10 anni. Fra 10 anni, di questo passo, non esisterà più manco l'Italia, figuriamoci i suoi titoli.

STANDARD & POOR'S
Da non confondere con Barnes & Noble, o i magazzini H&M. Standard & Poor's è una società che anlizza i titoli e le obbligazioni di un paese, dandogli una valutazione (rating) di solidità economica/finanziaria. Come lei, famose anche Moody's e Fitch, quest'ultima da non confondere - anche se può trarre in inganno - con Abercrombie, che invece valuta la fighettaggine della fauna nazionale.

INFLAZIONE
Fenomeno che genera un aumento dei prezzi a parità di moneta, con conseguente diminuzione del potere d'acquisto. In pratica, il babbo ci da gli stessi 10€ di sempre, ma il pizzaiolo ci dice che pizza+birra da oggi costa 25€. E se non pagiamo subito ci inflaziona di mazzate.

DEFICIT
Offesa, sinonimo di "mbecille de guera", che alcuni degenerati linguistici utilizzano per indicare la differenza negativa fra le entrate e le uscite di una società.

DEBITO PUBBLICO
Il debito pubblico è il debito che ha lo Stato nei confronti di chi - individui, imprese o altri soggetti - ha sottoscritto dei crediti allo stato, sottoforma di obbligazioni o titoli (ricordate i BTP di prima, ad esempio?), che serviranno a coprire il disavanzo pubblico, ovvero il deficit.
Praticamente è tutto collegato: noi, da brave patriottiche formichine operaie, abbiamo comprato un BTP (bravissimi, sempre quello di prima, non cambia!) per aiutare il debito pubblico e ci accorgiamo che lo spread oltre i 500 rischia di mandare tutto il sistema italico all'aria. Standard & Poor's continua a sfotterci e a noi resta una sola drammatica certezza: i veri deficit siamo noi stessi, senza ombra di dubbio!

(nella foto) Enricuzzu, comprende intellettualmente tutto, del Berliner Mornegnpost a Berlino.

3 commenti:

Canna ha detto...

Ahahah!!! Mi sto ammazzando dalle risate!!!

Stellina ha detto...

stile ineccepibile, però da un bocconiano ci si aspetterebbe ancora maggior precisione!! :P bravo, mi piace!

Giulia ha detto...

Sicuramente anche prima di leggere questo intervento ero ad un livello superiori dei parlamentari intervistati alle iene ... adesso poi posso laurearmi anche io in economia ! ahahhaahhaha :D